For a better experience please change your browser to CHROME, FIREFOX, OPERA or Internet Explorer.
Porta Sant’Andrea – Speciale Giostra del Saracino…la storia!

Porta Sant’Andrea – Speciale Giostra del Saracino…la storia!

L’assenza nella prima Giostra

Porta Sant’Andrea è l’ultimo rione nato dopo la suddivisione della città in quattro quartieri. La prima Giostra del Saracino, infatti, fu corsa il 7 agosto 1931 dai rioni di Porta Burgi (colori verde, rosso e oro), di Porta Fori (cremisi e oro), di Porta Crocifera (bianco e verde), di Porta Santo Spirito (azzurro e oro) e dal Rione di Saione (verde, bianco e rosso), gli stessi costituiti nel 1930 dall’ETA in vista della realizzazione dei costumi dei valletti comunali.

Il perchè di questa assenza viene spiegato dal momento storico: la base del futuro quartiere di Sant’Andrea, che comprendeva il centro cittadino e la zona di Porta Nuova, aveva una realtà associativa molto debole rispetto alle altre zone della città, a differenza di Saione, il cosiddetto rione dei filosofi, nel quale era attivo fin dal 1925 un comitato in grado di dare forte impulso all’aggregazione sociale: quello delle “Stigmate di San Francesco”. La costruzione di una nuova chiesa parrocchiale fu un altro tassello che portò gli organizzatori a scegliere Saione come quinto protagonista della Giostra del 1931, nonostante questo si trovasse fuori dalle mura antiche della città, in quella che oggi chiamiamo periferia.

Possiamo dire che Sant’Andrea partecipò comunque alla prima edizione del Saracino, non come quartiere ma con i propri colori: il rione di Colcitrone, infatti, scese in piazza con i colori bianco e verdi, rappresentato dallo stemma con la croce di Sant’Andrea, studiata proprio per l’omonimo quartiere. Da qui il nome utilizzato, Porta Crocifera.

Articolo tratto dallo Speciale Giostra del Saracino, in edicola con Piazza Grande
16 pagine da staccare e conservare, con la storia dei Quartieri, Musici e Sbandieratori!!

Porta Sant’Andrea entra a far parte della Giostra del Saracino

Dopo la Giostra del 1931, considerata dal regime un incredibile successo, avvenne il consolidamento della manifestazione e l’inquadramento delle realtà rionali nell’ambito delle organizzazioni di partito. 

Nel 1931 furono soppressi i rioni di Saione e quello di Porta Burgi. I quartieri rimasero così in quattro: Porta Crucifera, Porta Santo Spirito, Porta del Foro (che perse la sua definizione latina) e Porta Sant’Andrea.

Sorse un problema: quello relativo l’attribuzione degli stemmi nei costumi dei Valletti Comunali dovuta alla scomparsa dei rioni di Saione e Porta Burgi.  Si decise così che Porta Sant’Andrea si sarebbe forgiato del suo stemma naturale, la croce di Sant’Andrea appunto, e dei colori bianco e verde, mentre Porta Crocifera avrebbe assunto un nuovo simbolo, ovverio il colle sormontato dalla Croce (stemma già presente nella facciata della chiesa di Santa Croce in Colcitrone) e la raffigurazione della Pieve, emblema che rappresentava fino a quel momento il soppresso rione di Porta Burgi. Colcitrone cambiò così il suo nome, da Porta Crocifera a Porta Crucifera, in onore del del colle sormontato dalla croce definito “crucifero”.

Il 23 marzo 1932 divenne operante il nuovo Statuto che regolava struttura, organi e funzionamento delle nuove Società di Quartiere, poste definitivamente alle dipendenze dell’Opera Nazionale Dopolavoro.

Sant’Andrea dal 1932 al 1940

Porta Sant’Andrea fece la sua prima comparsa in Piazza Grande il 7 agosto 1932, Giostra che vinse Porta Santo Spirito con la coppia Neri – Gabrielli. Il quartiere, che aveva la sua sede all’interno del piccolo arco di Porta Trento Trieste, conquistò solamente 3 vittorie su 17 edizioni disputate fino al 1940, anno in cui il Saracino subì una battuta di arresto a causa dell’entrata in guerra dell’Italia di Mussolini.

La prima lancia d’Oro della storia bianco verde fu conquistata il 24 settembre 1933 dalla coppia di giostratori formata da Quinto Moroni e Giuseppe Cangioloni; all’epoca Rettore era Rinaldo Mugnai, mente il Capitano del Quartiere era Giovanni Coppelli, primo e unico capiano di Porta Burgi. Fu sotto la sua guida che Sant’Andrea si aggiudicò anche la lancia del 9 agosto 1936 con i giostratori Alessandro Ghinassi e Ivo Bottacci, autori poi della terza vittoria l’11 giugno 1939.

Dal 1948 ai giorni nostri

La Giostra del Saracino riprese a vivere 3 anni dopo il secondo conflitto mondiale, precisamente otto anni dopo l’ultima edizione disputata, il 12 settembre 1948.

Questa volta la rievocazione partì sotto l’organizzazione dell’ENAL, erede naturale del Dopolavoro (istituzione che sparì insieme al regime fascista), ma la festa del Saracino non cambiò affatto nelle regole e nello svolgimento, anzi, con il passare degli anni subì un sostanziale e positivo miglioramento, sia dal punto di vista della coreografia sia della partecipazione popolare.

La sede di Porta Sant’Andrea, dopo una momentanea parentesi in una stanza di via Oberdan n° 55, ritrovò la sua collocazione naturale nel passaggio pedonale all’interno di Porta Trento Trieste (nata nel 1815 come Porta Ferdinanda), ex posto di guardia disposto per la chiusura del portone nelle ore notturne. In sede venne istallata la prima televisione del circondario (siamo nel 1954) e la sera i quartieristi andavano a vedere i programmi portando con se sedie e all’occorrenza anche qualche pezzo di legno per il camino.

A livello giostresco gli anni ’50 e ’60 non furono certo gloriosi per il Quartiere di Sant’Andrea, che riuscì ad ottenere la quarta vittoria solo il 1° settembre del 1957, grazie alla coppia di giostratori composta da Ivo Bottacci e Tripoli Torrini, e ottenne solo due lance nel decennio degli anni Sessanta, grazie alle coppie Marino Gallorini – Assuero Favi  (1 settembre 1963) e Franco Ricci –  Tripoli Torrini.  Sarà proprio uno di questi giostratori ad aiutare Sant’Andrea a risalire la china: si tratta del faentino Franco Ricci detto “il Bello”, uno dei giostratori più amati della storia bianco verde. Grazie al suo estro il quartiere bianco verde ottenne 5 lance d’oro dal ’68 al ’78, in coppia con Tripoli Torrini, Vittorio Zama e Vincenzo Verità. In questi anni, inoltre, ci furono dei rilevanti cambiamenti dal punto di vista della collocazione territoriale del quartiere, soprattutto per quanto riguarda la sede: dal piccolo spazio dell’arco di Porta Trento e Trieste, le stanze sociali si spostarono tra gli anni ’60 e ’70 nell’ex caserma dei pompieri di Piazza San Giusto.

Gli anni settanta portarono ad una nuova collocazione che di li a qualche anno diventerà definitiva, quella di via delle Gagliarde. Ex monastero ed ex stalla napoleonica, la sede in questione era adibita anche a palestra di pugilato dove si sono allenati atleti come d’Agata, Brandi, Landi e Innocenti, pugili di fama nazionale e mondiale.


I restauri del salone di via delle Gagliarde portarono ancora una volta, nel 1982, i quartieristi  bianco verdi in una nuova provvisoria collocazione, quella del famoso “circolino”, posto nei locali della chiesa di San Gemignano, ospiti del parroco don Renato Bertini, storico sacerdote aretino e quartierista biancoverde . Questo, seppur piccolo e decadente, è uno dei luoghi che hanno fatto la storia di Sant’Andrea e di chi ne ha vissuto quegli anni.  Al Quartiere fu data anche in uso la sala della “Società Operaia di Staggiano”  posta in via Francesco Severi, nell’estrema periferia del Quartiere. Lì per alcuni anni era solito riunirsi il Comitato Giovanile di Porta Sant’Andrea.

Il 18 marzo del 1989 finalmente arrivò la svolta, con l’inaugurazione, alla presenza del sindaco di Arezzo Aldo Ducci e delle maggiori autorità cittadine dell’ormai restaurata sede di Palazzo San Giusto, in via delle Gagliarde, luogo che è rimasto fino ai giorni nostri il cuore del quartiere di Porta Sant’Andrea.

Nel 1997 la sala d’armi fu intitolata ad Enzo Piccoletti, nel primo anniversario della morte.

Il 18 aprile 2011 è stato poi inaugurato l’agognato Museo Storico, fiore all’occhiello della città in cui sono custodite le lance d’oro e i cimeli del passato bianco verde

Saverio Crestini

Top